Cortona e dintorni: cosa vedere in un giorno

Su un colle, nel meraviglioso scenario della Val di Chiana, sorge Cortona, uno dei borghi più belli e conosciuti d'Italia.



La cittadina, situata a sud-est della Toscana al confine con la regione Umbria in provincia di Arezzo, è un crogiolo armonioso di storia e cultura, arte e tradizioni. Intorno al borgo si apre la vallata e, trovandosi a 500 metri sul livello del mare, a sud si vede il Lago Trasimeno.


Adagiata su un promontorio, Cortona è una fortezza etrusca costruita su una posizione strategica, vicina a numerose importanti città e centri storico culturali, come Arezzo, Montepulciano, Pienza, Perugia, Assisi e Siena.


Cosa vedere a Cortona in un giorno a piedi


Piccola ma di straordinaria bellezza, Cortona può essere girata a piedi in un giorno.


Il centro storico è racchiuso tra antiche mura, costruite tra il IV e il II secolo a.C. La sua piazza principale, ottimo punto di partenza per un tour della città, è Piazza della Repubblica. Qui si trova il bellissimo Palazzo Comunale, oggi sede del comune, risalente al XII secolo, la cui scalinata e torre campanaria sono state realizzate nel '500.


Da Piazza della Repubblica potete proseguire verso Piazza Signorelli, in cui trovate Palazzo Casali (XVI secolo), sede dell'importante Museo dell’Accademia Etrusca, e il Teatro Signorelli che, costruito nell'800 in stile neoclassico, si contraddistingue per il suo loggiato a sette arcate.


Piazza Signorelli è adiacente a Piazza del Duomo, dove spicca la Cattedrale di Santa Maria Assunta e il Museo Diocesano, in cui sono raccolte le opere delle chiese della città.


Lasciando la Piazza del Duomo e imboccando via del Gesù, lungo il vicolo Iannelli, potete ammirare alcune case antiche medievali, le cui fondamenta risalgono all'epoca etrusca e romana.


Dalla Porta Santa Maria, costeggiando le mura, si arriva alla Porta Bifora. L'unica di origine etrusca (II secolo a.C.), da qui passava la strada che conduceva alla principale necropoli della città.


Poi c'è Porta Sant'Agostino, dalla quale si può rientrare nel centro di Cortona per tornare a Piazza della Repubblica, magari proseguendo verso la Chiesa di San Francesco, dove sono custodite alcune reliquie del santo.


Se è una bella giornata e vi piace camminare, una deviazione verso il Santuario di Santa Margherita e la Fortezza Girifalco è d'obbligo. La distanza dal centro è breve ma in salita. Il percorso è bello e piacevole, e permette di ammirare il panorama ad alture diverse.


Lasciata la Basilica di Santa Margherita, luogo di profondo interesse culturale e religioso essendo stata la dimora della santa patrona della città, continuando la salita, giungete al punto più alto di Cortona che ospita la Fortezza medicea Girifalco, costruita nella seconda metà del '500 per volere del Granduca Cosimo I dei Medici.


Da qui la vista è mozzafiato. In giornate di cielo terso, oltre a vedere tutta la Val di Chiana, si distinguono sia il Monte Amiata che il Monte Cetona. A sud, inoltre, è possibile scorgere il Lago Trasimeno.


Un'altra passeggiata ricca di fascino tra le bellezze della zona crotonese è quella che dal centro della città conduce all'Eremo Le Celle, per un totale di circa 4 km. Fondato Da San Francesco nel 1211, lo splendido complesso è costruito sul Monte Sant'Egidio tra le su grotte naturali accanto a un corso d'acqua. Qui regna il silenzio e un senso di amenità assoluto, in totale armonia con il territorio circostante e la suggestiva spiritualità che l'eremo ispira.


Cosa vedere a Cortona in un giorno se piove


Piove? Nessun problema!
Cortona è ricca di musei, mostre e luoghi d'arte da visitare anche nei giorni di pioggia.


Il Museo dell'Accademia Etrusca in Piazza Signorelli raccoglie importanti opere della civiltà etrusca e un'ampia aria espositiva dove è ripercorsa la sua storia in un seguito di preziosi reperti archeologici.


Tra le opere principali, nel museo trovate Tabula Cortonensis, manufatto in bronzo datato II secolo a.C, e i materiali della villa romana di Ossaia, locata nel Parco Archeologico di Cortona. Non solo, i locali del museo ospitano una sezione dedicata all'attività artistica crotonese di epoca medievale, dove è esposta la 'Vergine con il bambino' del pittore autoctono Luca Signorelli.


Il tour tra i monumenti e le bellezze artistiche del paese aretino conducono al Duomo, la Cattedrale di Santa Maria Assunta. Issata sui resti di una pieve romanica del XI secolo, più volte restaurata, la struttura si propone come un esempio di chiesa rinascimentale.


Al suo interno potete ammirare il famoso dipinto su tela "Adorazione dei Pastori" di Pietro da Cortona, datato 1663, e la scultura duecentesca in terracotta 'La Madonna del Pianto' di artisti ignoti.


Di fronte al Duomo c'è il Museo Diocesano, che si trova in quella che era la Chiesa del Gesù e contiene le opere provenienti dalle chiese della città. Tra queste, l'"Annunciazione" del Beato Angelico e il "Compianto sul Cristo morto" di Luca Signorelli, dipinti che hanno segnato la stagione rinascimentale dell'arte toscana.


Cosa vedere a Cortona in un giorno con i bambini


Tutti gli itinerari descritti sono adatti anche ai bambini, dalla passeggiata nel centro storico e fuori le mura alla visita dei musei, soprattutto quello dell'Accademia Etrusca, dove spesso sono organizzati laboratori per i più piccoli.


Tra le altre attività da fare a Cortona con i vostri piccoli c'è la visita del Parco Archeologico, anche questo gestito dal Museo dell'Accademia etrusca.


È un parco itinerante, che si snoda tra i vicoli della città e fuori dalle mura. Dentro il centro storico, potete visitare numerose strutture sotterranee di epoca etrusca, come l'arco di palazzo Cerulli Diligenti, la volta a botte di via Guelfa, il muro etrusco di palazzo Casali.


Sono presenti anche numerosi ruderi romani, come i resti dell’acquedotto presso la porta Montanina e la cisterna dei 'Bagni di Bacco' vicino alla chiesa di S. Antonio.


All'esterno delle mura, anch'esse di epoca etrusca, il parco si estende nella campagna circostante, dove, in località Sodo, si trovano due 'meloni', maestosi tumuli funebri risalenti al VI secolo a.C.


Tutti i ruderi di Cortona e dintorni sono raggiungibili a piedi o in bici grazie a percorsi tracciati sul territorio. Semplici e sicuri, possono essere percorsi da tutti, grandi e piccini.



Scopri le proposte di Terme di Chianciano



Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
prenotazione@termechianciano.it