Come liberare i Chakra

L’equilibrio tra i Chakra influenza la salute del corpo e ha ripercussioni sulla vita quotidiana. Liberare i Chakra significa trovare il benessere fisico e spirituale attraverso esercizi pratici e meditazione.

Che vuol dire Chakra bloccati e come liberarli?


Primo Chakra


Il primo Chakra, detto della radice, può essere bloccato a causa della paura e del senso di colpa. Gli esercizi fisici migliori per aprire il Chakra della radice sono le camminate, i salti sul posto e il ballo. Lo yoga è uno strumento molto utile contro il blocco, soprattutto se praticato nella natura. Potete fare yoga e meditazione usando oli essenziali come il rosmarino e il cipresso.

Secondo Chakra


Il Chakra sacrale risulta bloccato quando vi sentite insoddisfatti e incapaci di esprimervi liberamente e avete problemi nelle relazioni. La stimolazione del secondo Chakra avviene attraverso l’idromassaggio, gli esercizi in acqua e lo stretching per la schiena, mentre la meditazione che lo attiva si concentra sulla respirazione e fa uso di oli essenziali come sandalo e arancia amara.

Terzo Chakra


I sintomi del blocco del terzo Chakra, il Chakra del plesso solare, sono i disturbi digestivi, la stanchezza e la mancanza di fiducia in se stessi. Per aprire il plesso solare, diffondete in casa le essenze di lavanda, camomilla, limone e anice mentre svolgete gli esercizi di yoga e la meditazione. Infine, sdraiatevi in posizione supina e ponete le mani sul ventre, concentrandovi sull’energia che il plesso solare è ora pronto a ricevere.

Quarto Chakra


Il Chakra del cuore viene stimolato attraverso il colore verde e con le essenze di rosa, gelsomino e vaniglia. Quando il centro del cuore è bloccato si sperimenta una tendenza alla solitudine e possibili patologie respiratorie e cardiache. Per aprire il Chakra del cuore fate esercizi di respirazione concentrandovi sul verde e cercate il contatto con la natura, per esempio curando le piante e gli animali. Ascoltate musica gioiosa che vi predispone alla serenità nei rapporti.

Quinto Chakra


Il blocco del Chakra della gola comporta dolori nella zona del collo e delle spalle e compromette la capacità di ascoltare. Per aprire il Chakra della gola circondatevi del colore celeste, guardando il cielo e il mare, ascoltate musica cantata e usate gli oli essenziali di eucalipto, menta e zenzero. Per praticare la meditazione sedetevi a gambe incrociate, congiungete le mani all’altezza del petto, inspirate profondamente col naso e concentratevi sulla gola, per poi espirare.

Sesto Chakra


Il blocco del sesto Chakra, il terzo occhio può portare mal di testa e problemi alla vista, mentre dal lato psicologico causa una difficoltà nel dirigere i propri pensieri a un obiettivo, con il rischio di restare bloccati in un mondo immaginario e avere allucinazioni. Per aprire questo Chakra cercate di eliminare la confusione mentale, leggendo romanzi e usando la saggezza orientale e occidentale come una guida alla meditazione. Massaggiate le tempie con olio essenziale di violetta e di citronella e fate esercizi di yoga assumendo la posizione fetale.

Settimo Chakra


Il settimo Chakra, il Chakra della corona è quello che governa il pensiero e l’autocoscienza. Se il Chakra è bloccato si tende alla rigidità mentale e alla depressione e si è portati ai disturbi del sistema immunitario. Per liberare il settimo Chakra cercate la pace interiore praticando yoga diffondendo oli essenziali di geranio e legno di rosa e praticate la meditazione aiutandovi con dei mantra che permettano di pronunciare a lungo la lettera “M”, facendovi rilassare.

A cosa servono i Chakra?


I Chakra sono centri energetici posizionati lungo la colonna vertebrale che agiscono come un portale che connette la persona con l’energia dell’universo. Conoscere il significato di ogni Chakra permette di usare l’energia per trovare la via di un benessere personale superiore.
Il primo Chakra è caratterizzato dal colore rosso e dall’elemento terra: serve a ritrovare il contatto con la natura e la connessione con il terreno. Viene stimolato facendo dei massaggi e degli esercizi di meditazione concentrandosi sui piedi e sulle gambe e camminando all’aperto.
Il Chakra sacrale è posto alla base della schiena e la risposta fisica al suo disequilibrio sono i dolori nella zona sacrale. Questo Chakra permette di alleviare il dolore alla schiena attraverso la connessione con l’acqua, facendo bagni caldi e nuotate, bevendo molta acqua e infusi alle erbe.
Il plesso solare è il Chakra del colore giallo, che permette di ricaricarvi con le energie emesse dalla luce e dal fuoco. Attività efficaci per equilibrare il terzo Chakra sono i bagni di sole, il teatro e gli esercizi di rilassamento. Questi vi danno la possibilità di esprimere voi stessi e il vostro corpo eliminando la frustrazione.
Il Chakra del cuore dona un senso di pace e armonia nelle relazioni con persone, animali e piante, permettendovi di essere disponibili nel momento del bisogno di un amico. Aiuta a mantenere l’equilibrio nella vita di tutti i giorni e ad affrontare meglio il dolore.
Il Chakra della gola controlla il senso di sicurezza, l’espressione di sé e della creatività e la comunicazione. Per esprimere la creatività, i consigli della dottrina dei Chakra sono il canto e la scrittura, che vi aiuterà a ritrovare la vostra voce.
Il sesto Chakra, detto terzo occhio, è il centro energetico della comprensione e delle capacità psichiche e, caratterizzato dal blu della notte, promuove la lungimiranza.
Infine, il settimo Chakra è il centro della spiritualità e permette di aprire la mente e scoprire la saggezza superiore, così che la persona veda la sua collocazione nell’universo.

Qual è l’origine dei Chakra?


La teoria dei Chakra nasce con i testi tantrici in India circa 4.000 anni fa. Su questa dottrina è basata la pratica della meditazione e dello yoga, la riflessologia e lo shiatsu. La parola “Chakra” in sanscrito significa “cerchio”, “vortice”: l’energia vitale scorre in un movimento circolare attraverso i Chakra, che costituiscono i centri dell’energia spirituale a livello fisico. Nella tradizione, questi punti del corpo permettono di accedere all’equilibrio tra mente e corpo attraverso degli esercizi, causando un effetto sull’attività dell’organismo, sui suoi disturbi e sulle emozioni.
Le parti del corpo in cui sono posizionati i chakra agiscono come valvole dell’energia vitale, detta ki, o prana, che può originare problemi nel caso di un blocco del flusso.
Nel '900 la dottrina dei Chakra arriva in Occidente insieme alla diffusione di tecniche come l’agopuntura e lo shiatsu. Quando Arthur Avalon scrive un libro sui Chakra e le diverse tecniche della medicina cinese iniziano ad avere successo, questa visione delle energie dell’universo inizia a diffondersi, fino ad affermarsi oggi come cura naturale praticata soprattutto nei centri benessere.

Vuoi Informazioni?
Invia adesso la tua richiesta.
prenotazione@termechianciano.it